Brescia, drone impiegato per intercettare amianto “nascosto”

drone per mappatura amianto
[amazon_link asins=’B01FFKV116,B01N1H1ZYG,B00X9JDPYC,B00X92BCA8,B01LG40OY0′ template=’ProductCarousel’ store=’buyfit-21′ marketplace=’IT’ link_id=’b2e5cc30-30ce-11e7-bfd0-491a8493a936′]

Brescia, drone impiegato per intercettare amianto “nascosto”

I droni, si sa, possono essere utilizzati nei campi più disparati. E sempre più di frequente capita di vederli impiegati in settori particolarmente importanti e delicati, come quelli medici, ambientali e civili. Un esempio tipico, peraltro tutto italiano, di drone utilizzato sul fronte “sociale”, ci arriva da Desenzano, una località in provincia di Brescia. E’ proprio qui infatti che un drone è stato utilizzato per scovare amianto laddove l’intervento umano non è ancora arrivato, e a quanto sembra numerose iniziative di questo genere si stanno replicando un po’ in tutta Italia.

Ciò dimostra una cosa: che nel nostro Paese la sensibilità sul tema è cambiata e che anche l’Italia sta scoprendo (finalmente) l’uso dei velivoli radiocomandati in ambiti non necessariamente ludici.

In particolare, dal caso di Desenzano è emerso che il drone è stato in grado di scoprire ben 635 coperture sospette corrispondenti a 206.817 metri quadrati di superficie in amianto. In pratica, son venute fuori ben tremila tonnellate di materiale fino ad oggi rimasto al riparo dallo sguardo di chi avrebbe dovuto controllare e invece non lo ha fatto.

Sempre dai risultati emersi, si deduce che più del 40% delle coperture abbia una metratura inferiore a 50 mq, il che significa che l’amianto è presente per lo più in ambienti piuttosto circoscritti, come piccoli tetti di abitazioni private. Inoltre, l’indagine è servita anche per far riflettere sui “falsi positivi”, ovvero su quelle coperture in fibrocemento ecologico che all’occhio sembrano amianto ma che nella sostanza sono fortunatamente ben più innocue!

Insomma, la rilevazione condotta nel bresciano è stato uno step di inizio per cominciare ad affrontare la questione amianto anche con l’ausilio dei droni, cosicché quello che per anni ha rappresentato un annoso problema italiano possa risolversi nel più breve tempo possibile. E, cosa non da poco, con il contributo di una tecnologia in forte ascesa in questo particolare momento storico.

[amazon_link asins=’B01FFKV116,B01N1H1ZYG,B00X9JDPYC,B00X92BCA8,B01LG40OY0′ template=’ProductCarousel’ store=’buyfit-21′ marketplace=’IT’ link_id=’b2e5cc30-30ce-11e7-bfd0-491a8493a936′]