Drone di salvataggio Avy One per le emergenze umanitarie

drone avyone

Nuove generazioni di dispositivi stanno aprendo nuove strade per il salvataggio di vite umane. Avy One Search Rescue, questo è il nome del drone soccorritore, è stato pensato e sviluppato per la questione “migranti”. Si tratta di un innovativo dispositivo che permette in caso di emergenza di lanciare medicine, cibo, salvagenti  e quant’altro per far fronte alle necessità di tutte quelle persone prive di ogni forma di sicurezza.

Ha una capacità di carico di 10 chili e riesce a percorrere oltretutto importanti distanze (fino ad un massimo di 400 km). Ma non finiscono qui le sue caratteristiche perchè grazie ad alcuni sensori integrati è in grado di localizzare anche le imbarcazioni.

In passato sono stati molti i profughi che, sognando una vita migliore fuori dal loro paese, hanno lasciato tutto alle proprie spalle, salendo a bordo di gommoni e barche, privi di qualsivoglia clausola di sicurezza. Ed è così che tantissime persone, imbarcandosi in missioni molto pericolose per tentare di attraversare il mar Mediterraneo, hanno perso la vita.

Secondo una recente indagine è stato constatato che solo lo scorso anno, 3500 rifugiati sono morte nel tentativo di poter raggiungere le coste europee. Un dato che dovrebbe far riflettere.

Avy One Search Rescue è stato selezionato come uno dei migliori droni con scopo umanitario. Erano circa un milione i competitors che hanno partecipato all’evento “Drones for Good”, ma è stato scelto come finalista il drone di salvataggio realizzato dall’azienda olandese Avy One in collaborazione con Esa (Agenzia Spaziale Europea).

Al momento il progetto è in via di sviluppo e la società è al lavoro per realizzare droni altamente performanti e sempre più efficaci. Ma oltre al drone di salvataggio, l’azienda sta pensando di mettere su un altro progetto denominato Avy Life: si tratta in parole povere di un velivolo specializzato per il trasporto di organi da un ospedale all’altro.