Pilotare i droni con l’aiuto delle reti telefoniche? Ci arriveremo!

pilota di droni

Pilotare i droni avvalendosi delle reti telefoniche LTE. E’ questa la proposta avanzata da Qualcomm, società statunitense da sempre molto impegnata nella ricerca e sviluppo per quel che riguarda il campo delle telecomunicazioni senza fili. Fondata nel 1985 da Irwin Jacobs e Andrew Viterbi, oggi Qualcomm è una società molto affermata, che ha sede ufficiale a San Diego, in California, ma che opera di fatto in tutto il mondo anche grazie a preziose partnership con importanti marchi della telefonia mobile.

L’obiettivo di Qualcomm per quel che riguarda il mondo dei droni è semplice e ambizioso al tempo stesso: dar vita a una infrastruttura tecnica capace di fornire una copertura di segnale LTE quanto più efficace e precisa, con una latenza ridotta ai minimi termini. Si tratta in sostanza di creare un’infrastruttura che possa fare da stampella al pilotaggio di droni mediante, appunto, la rete telefonica.

I test effettuati fino ad ora, che hanno impiegato circa 1.000 voli con diverse tipologie di droni e in diversi scenari di operatività, hanno restituito dei risultati incoraggianti. La fase finale del test ha fornito infatti un esito positivo, dimostrando che le reti telefoniche LTE sono assolutamente in grado di gestire in sicurezza il volo di un drone.

Nei test si è prestata una particolare attenzione alle interferenze che potrebbero introdursi fra la cella telefonica di trasmissione e l’apparecchio in volo, ma anche qui le soluzioni messe in campo sembra si siano rivelate molto solide e incoraggianti: il segnale ha mantenuto infatti un buon grado di stabilità, anche se restano da fare ulteriori test con il volo contemporaneo di più droni.

Ce la si sta mettendo tutta per far sì che, in un prossimo futuro, sia possibile pilotare i droni con le reti telefoniche LTE. Ad oggi questa tecnologia non può dirsi pronta all’uso poiché necessita di ulteriori affinamenti, ma visti i risultati prodotti finora possiamo senz’altro dire di essere sulla buona strada.