SureFly, il drone a otto motori che somiglia a un elicottero

surefly

I droni civili stanno guadagnando terreno in molte frange di opinione pubblica: dai droni utilizzati per le riprese e le fotografie aeree, fino a quelli in dotazione di archeologi, topografi, architetti e ingegneri, ormai abbiamo imparato a conoscere velivoli di ogni genere!

E chi ha assistito al Paris Air Show 2017 forse si sarà accorto di un drone un po’ fuori dal comune, o meglio, di un velivolo che all’apparenza sembra un normale elicottero, ma che in realtà non è altro che un drone multirotore con 8 motori contrapposti e annesse eliche.

Si trattava di SureFly, elicottero a basso costo progettato e costruito dalla casa statunitense WorkHorse, presentato dal fondatore e CEO della compagnia Stephen Burns. Ma esattamente che cosa propone SureFly? Molto semplicemente, questo è un drone a decollo verticale alimentato da un motore a benzina da 150kW che alimenta tutti gli altri.

Per quanto riguarda la sicurezza, l’allestimento è piuttosto nutrito: a bordo troviamo infatti batterie al Litio che garantiscono 5 minuti di volo in caso di emergenza e un paracadute balistico; e poi ancora un centro di controllo remoto che trasporterà il drone in un’area di sicurezza laddove dovesse succedere qualcosa. SureFly, inoltre, può volare fino a 112 km/h e ha un peso che al decollo tocca i 680 kg.

Burns ha spiegato che su SureFly c’è l’idea di utilizzarlo anche in ambito medico-emergenziale e in agricoltura, tanto che l’azienda ha avanzato una richiesta alla Federal Aviation Administration affinché il drone sia autorizzato a volare sui cieli americani. L’augurio è quello di vederlo all’opera entro il 2019.