Veneto, sulle spiagge arriva il drone salvavita Apollo 4

zaia presenta drone salvavita

Apollo 4, quadricottero con defibrillatore incorporato, è stato presentato pochi giorni fa da Luca Zaia, governatore della regione Veneto, sulla spiaggia di Caorle (Venezia). La regione Veneto, con la collaborazione di Ulss4 del Veneto orientale e del Consorzio Arenili di Caorle, ha infatti finanziato un programma di “turismo accessibile” mettendo sul piatto 600mila euro.

Questo programma servirà molto genericamente a migliorare i servizi offerti dal litorale veneto, e il drone Apollo 4 si inserisce proprio in questo contesto: la presenza nell’equipaggio di un Apollo 4 con defibrillatore sarà utile per ridurre i tempi di intervento in caso di emergenza, per cui il personale specializzato avrà ora un nuovo alleato in più a cui potersi affidare per salvare la vita dei bagnanti in difficoltà.

“Apollo 4 – ha detto il governatore Zaia – è un buon modo per ribadire che il Veneto vuol essere regione d’avanguardia. Anche nella sanità dovremo abituarci ad accogliere le nuove tecnologie e i droni, perché questa è la grande sfida del futuro”.

“La buona sanità – ha aggiunto – non si definisce solo coi posti letto e con il numero di ospedali, ma la si fa anche nell’efficienza con cui si presta assistenza. In Veneto ogni ospedale della provincia ha già in dotazione un robot di chirurgia ad alta precisione che permette di operare con altissima professionalità. E in futuro avremo ulteriori tecnologie e strumenti di robotica che affiancheranno o sostituiranno la professionalità del personale ospedaliero”.

L’esperienza pilota di un drone salvavita, per ora unica in Italia, è stata sperimentata già in varie parti del mondo, e a quanto sembra ha restituito risultati entusiasmanti. Proprio ieri infatti vi parlavamo di come i droni con defibrillatore incorporato siano molto più efficienti dei servizi di emergenza tradizionali, poiché tagliano (e non di poco) i tempi di attesa per la prestazione dell’assistenza.